Tu sei qui:HomeCollaneBiblioteca di Studi di Filologia ModernaGo Southwest, Old Man

Go Southwest, Old Man

Note di un viaggio letterario, e non

Informazioni su Autori e Curatori


Questa opera è in Open Access

Quest’opera è disponibile in
Open Access

vai alla “Open Access Policy”

Licenza d'uso
CC BY NC ND 2.5 IT

Go Southwest, Old Man, sorta di remake personale di 'Go West, Young Man', l'episteme fondante dell'Ottocento americano, concilia queste due anime (parola grossa: diciamo, queste due facce) che poi hanno sempre vissuto bene insieme. È un libro che nasce da un quarto di secolo passato a girare per i canyon e i deserti di Arizona, Colorado, Utah, e soprattutto New Mexico: per entrare nella mitologia ormai universale del West, avvicinarmi a quelle culture (la anglo, l'ispanica, quelle nativo americane), e far propria quella letteratura. Il taglio è composito: accademico, divulgativo, da libro di viaggio; e composita la scrittura, perché il libro parla in inglese e in italiano. Parla di cinema (molto John Ford) e di giallistica, il genere qui più frequentato; di arti visive, di folklore latino, del mito del West, della cosiddetta 'Soul of the Southwest', del kitsch stile Santa Fe. E parla di (e con) alcuni dei maggiori scrittori del Southwest: Rudolfo Anaya, Stanley Crawford, John Nichols, Hillerman. Dunque un Southwest vissuto in prima persona: dove l'io non si trincera in un preciso ruolo disciplinare ma si apre – si espone – al rischio inebriante della scoperta che lo rinnova. Il volume è in lingua inglese e italiana.

Leggi tutto

Supporti disponibili

Anno di edizione: 2009

Pagine: 356

e-ISBN: 978-88-6453-008-6

Titoli consigliati