Tu sei qui: Home IdentitàPolicy dell’Università degli Studi di Firenze a favore dell’Accesso aperto alla letteratura scientifica

Policy dell’Università degli Studi di Firenze a favore dell’Accesso aperto alla letteratura scientifica

0 – Definizioni

Per “Università” o “Ateneo” s’intende l’Università degli Studi di Firenze.

Per “Contributo della ricerca scientifica” o “Contributo” s’intende qualsiasi pubblicazione, comprensiva di dati quali immagini, video, tabelle, audio, disegni, diagrammi, grafici, dataset e formule destinata al dibattito scientifico e alla divulgazione, comprese le tesi di dottorato. Per “Autore” s’intende colui che, appartenendo all’Università, sia accreditato per l’inserimento dei Contributi in FLORE.

Per “Repository istituzionale dei prodotti della ricerca scientifica” o “Repository” s’intende il repository istituzionale ad accesso aperto dell’Università degli Studi di Firenze, denominato FLORE (Florence Research, Florence Repository).

Per “Firenze University Press” o FUP s’intende la casa editrice dell’Università di Firenze.

Per “Deposito” s’intende il caricamento nel Repository da parte di un Autore di un Contributo.

Per “Accesso aperto” s’intende la disponibilità nel Repository del Contributo in formato digitale, accompagnato dalla concessione gratuita, irrevocabile e universale a tutti del diritto di distribuire il Contributo, trasmetterlo e mostrarlo pubblicamente, e del diritto a produrre e distribuire lavori da esso derivati in ogni formato digitale per ogni scopo responsabile, soggetto all’attribuzione autentica della paternità intellettuale, nonché del diritto a riprodurne una quantità limitata di copie stampate per uso personale.

Per “Accesso aperto immediato” s’intende il deposito in FLORE del Contributo già in origine ad accesso aperto.

Per “Accesso aperto con embargo” s’intende il deposito in FLORE del Contributo, disponibile ad accesso aperto dopo un periodo di tempo prestabilito (embargo).

Per “Accesso chiuso” s’intende la forma di deposito che rende il Contributo accessibile e visibile solo agli autori e agli amministratori di FLORE.

Per “Versione editoriale” o “Pdf editoriale” s’intende la versione digitale del Contributo editato e pubblicato dall’editore.

Per “Metadati” si intendono i dati, sempre visibili, di carattere descrittivo, semantico e gestionale di un Contributo.

Per “Versione finale referata” s’intende la versione digitale definitiva accettata dall’editore che integra i risultati del processo di referaggio e non presenta loghi o marchi del medesimo editore (layout editoriale).


1 – Princìpi generali

Il principio dell’Accesso aperto risponde agli alti valori costituzionali di promozione dello sviluppo della cultura e della ricerca, nonché di tutela della libertà accademica, scientifica e della paternità intellettuale. In particolare, esso mira a potenziare la disseminazione su scala internazionale della ricerca scientifica, a comprimere il tasso di duplicazione degli studi, a rafforzare la ricerca interdisciplinare, il trasferimento della conoscenza alle imprese e la trasparenza verso la cittadinanza, a rendere più efficiente l’uso di contributi scientifici a fini didattici, a garantire la conservazione nel tempo della produzione scientifica.
L’Università, in ottemperanza a quanto stabilito all’art. 8, comma 2 del proprio Statuto, nel quale si afferma che l’Ateneo “fa propri i princìpi dell’Accesso pieno e aperto alla letteratura scientifica e promuove la libera diffusione in rete, nei circuiti della comunità scientifica internazionale, dei risultati delle ricerche prodotte in Ateneo”, promuove l’attuazione del principio dell’Accesso aperto come definito dalla Dichiarazione di Berlino sull’Accesso aperto alla letteratura scientifica (Berlin Declaration on Open Access to Knowledge in the Sciences and Humanities) del 2003, firmata dall’Università con la sottoscrizione della Dichiarazione di Messina del 2004, riconfermata nel 2014 in occasione del suo Decennale.


2 – Realizzazione dell’Accesso aperto alla letteratura scientifica

L’Ateneo si propone di realizzare l’Accesso aperto ai Contributi, risultato della ricerca scientifica, tramite FLORE e la Firenze University Press, nonché tramite ogni altro strumento offerto dalle tecnologie. L’Università adotta e promuove strategie e azioni programmatiche necessarie affinché la diffusione dei Contributi avvenga nel rispetto dei criteri di valutazione della ricerca adottati dall’università italiana e concili la visibilità e la diffusione con modelli di sostenibilità economica.


3 – FLORE: Repository istituzionale della letteratura scientifica

FLORE è il luogo ufficiale di raccolta e disseminazione dei prodotti della ricerca scientifica elaborati dagli Autori nell’ambito della loro attività istituzionale, resi gratuitamente e liberamente accessibili in rete. FLORE rappresenta, pertanto, una vetrina della produzione scientifica dell’Università.

FLORE:

  • risponde alle linee guida del Gruppo Open Access della Commissione Biblioteche della CRUI per la creazione e la gestione dei metadati emanate il 22 febbraio 2012;
  • risponde alle migliori pratiche e agli standard internazionali sull’Accesso aperto e per la conservazione nel tempo dei Contributi; in particolare, risponde allo standard per l’interoperabilità degli archivi ad accesso aperto OAI PMH;
  • è dotato di funzionalità avanzate per la registrazione, la certificazione, la diffusione e la conservazione nel tempo dei Contributi ed è predisposto per essere interoperabile con le banche dati ministeriali e di altre agenzie di riferimento;
  • è indicizzato dai principali motori di ricerca generalisti e specialistici, che garantiscono la massima disseminazione e visibilità ai materiali depositati.


4 – Deposito e pubblicazione in FLORE

L’Autore depositerà il proprio Contributo in FLORE, di norma, nella versione editoriale; qualora essa sia indisponibile, l’Autore depositerà la versione finale referata. Non è ammesso il deposito della versione pre-print.
Il Contributo, di norma, deve essere depositato in Accesso aperto.
Se l’Autore dispone dei diritti per la pubblicazione ad Accesso aperto, l'Università chiede la concessione di una licenza non esclusiva per la pubblicazione del Contributo ad Accesso aperto in FLORE.


5 – FLORE e la valutazione della ricerca

FLORE è il Repository di Ateneo funzionale al monitoraggio della produzione scientifica per gli esercizi di valutazione interna ed esterna della ricerca.


6 - Firenze University Press

La Firenze University Press (FUP) promuove l’Accesso aperto ai Contributi della ricerca scientifica e sostiene il popolamento di FLORE tramite i Contributi pubblicati in Accesso aperto immediato e con embargo. La pubblicazione di Contributi in Accesso aperto è soggetta a processi di certificazione scientifica che rispettino i criteri di valutazione della ricerca adottati dall’università italiana.

La FUP promuove:

  • l’indicizzazione dei Contributi pubblicati in Accesso aperto nelle principali banche dati al fine di garantirne la massima disseminazione e visibilità;
  • l’adozione di contratti editoriali che garantiscano l’accesso gratuito, completo e immediato ai Contributi e l’attribuzione autentica della paternità intellettuale;
  • servizi atti a favorire esercizi di valutazione interna ed esterna dei Contributi pubblicati.


7 - Tesi di dottorato

Le tesi di dottorato sono pubblicate in Accesso aperto, alla chiusura della carriera o al massimo entro diciotto mesi dalla discussione, nei casi e secondo le modalità previste dal Regolamento per il deposito delle tesi di Dottorato dell’Università degli Studi di Firenze e in attuazione delle Linee guida CRUI per il deposito delle tesi di dottorato negli archivi aperti.


8 – Diritti d’autore

L’Autore dev’essere titolare del diritto di comunicazione al pubblico, per poter pubblicare il Contributo in Accesso aperto, in modo immediato o dopo un periodo di embargo.


9 - Linee guida

Istruzioni e ulteriori informazioni sulle procedure di deposito e sulle tematiche relative all’Accesso aperto e al diritto d’autore sono disponibili nelle Linee guida, a supporto della policy.


Approvata dal Senato Accademico il 14 settembre 2016

Titoli consigliati