Book chapter

Di lessico e altre quisquilie: autopercezione ed eteropercezione linguistica nel social networking

Vera Gheno
University of Florence, Italy


ABOUT THIS CHAPTER

Digital writing and handwriting are cognitively different activities; thus, it is interesting to verify what happens to the written language when it is conveyed through a keyboard and no longer a pen. On the Net, where the text is stripped of all non-strictly linguistic clues such as tone of voice, facial expression, proxemics, gestures, etc., written words assume a large part of the communicative burden: in other words, we are what we type. Despite this, it often seems that users are not fully aware of how much their linguistic choices affect the construction of their reputation on the net. In this contribution, we reflect on the current state of the typed Italian, trying to hypothesize some future strategies to improve the condition of millions of novice and unprepared users.
Read more

Keywords: sociolinguistics, computer-mediated-communication, media literacy, social networking

Formats

PDF

Pages: 135-153

Published by: Firenze University Press

Publication year: 2021

DOI: 10.36253/978-88-5518-403-8.10

Download PDF

© 2021 Author(s)
Content licence CC BY 4.0
Metadata licence CC0 1.0

XML

Publication year: 2021

DOI: 10.36253/978-88-5518-403-8.10

Download XML

© 2021 Author(s)
Content licence CC BY 4.0
Metadata licence CC0 1.0

References

  1. Antonelli, G. 2014. Comunque anche Leopardi diceva le parolacce. L’italiano come non ve l’hanno mai raccontato. Milano: Mondadori.
  2. Arcangeli, M., Selis, V. 2017. Faccia da social. Nazi, Webeti, Pornogastrici e altre specie su Facebook. Roma: Castelvecchi.
  3. Baron, N. 2002. “Whatever: a New Language Model?”. <https://bit.ly/2jkCga8> (2021-01-11).
  4. Beck, J. 2018. “Quanti punti esclamativi servono per trasmettere entusiasmo”. Internazionale, 28 luglio, 2018. <https://bit.ly/2v5BxQl> (2021-01-11).
  5. Bellucci, P. 2011. “Comunicar se stessi nell’era di internet. Osservazioni di côté linguistico”. In Tre punto zero. La rivoluzione digitale. Come cambia il modo di scrivere, leggere, informare e comunicare nell’era di smartphone, socialnetwork, file audio, audiolibri e libri digitali, a cura di E. Romanelli, 68-76. Roma: Audino Editore.
  6. Colombo, C. 2017. “Devoto Oli, un nuovo vocabolario tra «ciaone» e «schiscetta»”. La Stampa, 12 settembre, 2017. <https://bit.ly/2MapY0O> (2021-01-11).
  7. Cortona, L., Fabbri, P. 2017. “Il video virale della direttrice di banca che scatena gli odiatori del web.” Il Messaggero, 5 ottobre, 2017. <https://bit.ly/2LY0HtA> (2021-01-11).
  8. Cresti, S. 2014. Selfie. Sezione “Parole Nuove”, sito Web dell’Accademia della Crusca. <https://bit.ly/1hGRpNq> (2021-01-11).
  9. Di Paolo, P. 2017. “L’ultima lezione di Luca Serianni”. Repubblica.it, 15 giugno, 2017. <https://bit.ly/2LKnU38> (2021-01-11).
  10. Dominici, P. 2014. Dentro la società iperconnessa. Prospettive etiche per un nuovo sistema della comunicazione. Milano: FrancoAngeli.
  11. Gheno, V. 2008. “Il lessico dei newsgroup. Varietà di lingua a confronto”. In Prospettive nello studio del lessico italiano, Atti del IX Congresso SILFI, a cura di E. Cresti, 147-55. Firenze: Firenze University Press.
  12. Gheno, V. 2015. “Fenomenologia di un fake: riflessioni sull’uso del dialetto napoletano per dare vita, in rete, a un personaggio di fantasia”. In Dialetto parlato scritto trasmesso. Atti del convegno di Sappada/Plodn, 2-5 luglio 2014, a cura di G. Marcato, 275-83. Padova: CLEUP.
  13. Gheno, V. 2016. “Una sottile linea rossa tra dialettofilia e dialettomania?”. In Il dialetto nel tempo e nella storia, a cura di G. Marcato, 325-33. Padova: CLEUP.
  14. Gheno, V. 2017. Social-linguistica. Italiano e italiani dei social network. Firenze: Cesati.
  15. Gheno, V. 2018a. “Lingua italiana, così evolve sui social network”. Agenda Digitale, 20 giugno, 2018. <https://bit.ly/2n35Suo> (2021-01-11).
  16. Gheno, V. 2018b. “8 “tipi social” in cui tutti ci siamo imbattuti almeno una volta”. Centodieci, 12 gennaio, 2018. <https://bit.ly/2FvT0E1> (2021-01-11).
  17. Gheno, V. 2018c. “Tutti i modi dell’hate speech sui social media: quando la lingua separa e ferisce”. Agenda Digitale, 3 maggio, 2018. <https://bit.ly/2u33asC> (2021-01-11).
  18. Gheno, V., Mastroianni, B. 2018. Tienilo acceso. Posta, commenta, condividi senza spegnere il cervello. Milano: Longanesi.
  19. Gironi, F. 2017. “La verità in dubbio”. Il Tascabile, 6 dicembre, 2017. <https://bit.ly/2vtrVhs> (2021-01-11).
  20. Gramsci, A. 1916. “Socialismo e cultura”. Il grido del popolo, 29 gennaio, 1916. <https://bit.ly/2Ngwict> (2021-01-11).
  21. Il Post 2016. “Il mansplaining, spiegato”. Il Post, 21 novembre, 2016. <https://bit.ly/2v7k8qu> (2021-01-11).
  22. Jucker, A. H., Taavitsainen, I. 2000. “Diachronic speech act analysis. Insults from flyting to flaming”. Journal of Historical Pragmatics 1: 67-95.
  23. Lattanzi, V. 2015. “Cracco: «Il segreto del mio agnello? Lo condisco da vivo»”. «Lercio». 5 marzo, 2015. <https://bit.ly/1Uml55P> (2021-01-11).
  24. Le Page, R., Tabouret-Keller, A. 1985. Acts of Identity. Creole-Based Approaches to Language and Ethnicity. Cambridge: Cambridge University Press.
  25. Mascolo, O. 2018. “Un video uccide, un’orgia no: ecco cosa ci insegna (di nuovo) il caso di Tiziana Cantone”. Linkiesta, 30 luglio, 2018. <https://bit.ly/2OuT38y> (2021-01-11).
  26. Mastroianni, B. 2016. “Dibattiti online: oltre le contrapposizioni”. In La missione digitale, a cura di G. Tridente, B. Mastroianni, 63-95. Roma: EDUSC.
  27. Mastroianni, B. 2017. La disputa felice. Dissentire senza litigare sui social network, sui media e in pubblico. Firenze: Cesati.
  28. Moretti, C. 2018. “La Dark Polo Gang con «bufu» entra nel vocabolario Treccani”. Repubblica, 7 giugno, 2018. <https://bit.ly/2MbUVBV> (2021-01-11).
  29. Ong, W. J. 1986. Oralità e scrittura. Le tecnologie della parola. Bologna: Il Mulino.
  30. Parlangeli, D. 2018. “Tide Pods Challenge, la nuova stupida moda di mangiare detersivo”. Wired.it, 22 gennaio, 2018. <https://bit.ly/2OzVBlW> (2021-01-11).
  31. Pistolesi, E. 2004. Il parlar spedito. L’italiano di chat, e-mail e SMS. Padova: Esedra.
  32. Radtke, E. 1992. “La dimensione internazionale del linguaggio giovanile”. In Il linguaggio giovanile degli anni Novanta. Regole, invenzioni, gioco, a cura di E. Banfi, A.A. Sobrero, 5-44. Roma-Bari: Laterza.
  33. Sobrero, A. A. 2003. “Nell’era del post-italiano”. Italiano & Oltre 18, 5: 272-7.
  34. Suler, J. 2004. “The online disinhibition effect”. CyberPsychology & Behavior 7: 321-6. <https://bit.ly/2HEtwdo> (2021-01-11).
  35. Testa, A. 2014. “Italia dealfabetizzata, ma l’italiano sta bene. Lo dice Tullio De Mauro”. NuovoEUtile, 6 ottobre, 2014. <https://bit.ly/2LJ35Fy> (2021-01-11).
  36. Testa, A. 2017. “Gli studenti italiani non sanno l’italiano. Ma non è un fatto nuovo”. NuovoEUtile, 1 febbraio, 2017. <https://bit.ly/2ABQwqu> (2021-01-11).
  37. Wallace, D. F. 2006. “Autorità e uso della lingua”. In Considera l’aragosta: e altri saggi, a cura di D. F. Wallace, 70-138. Torino: Einaudi.
  38. Zollo, F., Bessi, A., Del Vicario, M. Scala, A., Caldarelli, G., Shekhtman, L., Havlin, S., Zollo, F., Bessi, A., Del Vicario, M. Scala, A., Caldarelli, G., Shekhtman, L., Havlin, S., 2017. <https://bit.ly/2KiGTMI> (2021-01-11).

Export citation

Selected format

Usage statistics policy

  • 14Chapter Downloads

Cita come:
Gheno, V.; 2021; Di lessico e altre quisquilie: autopercezione ed eteropercezione linguistica nel social networking. Firenze, Firenze University Press.


Distributori


Indici e aggregatori bibliometrici