Book chapter

Unicum glaciei. Le geografie estreme di Croce del Sud

Diego Salvadori
University of Florence, Italy - ORCID: 0000-0002-7845-4489


ABOUT THIS CHAPTER

This essay offers a geocritical reading of Croce del Sud (2020), in the attempt to trace connections with other areas of Claudio Magris’ macro-text and, above all, to highlight the extreme evolution of his literary geography, here resolved in an empty, glacial, absolute space, but at the same time open to the mythopoeic tension of other spaces: from Atlantis to Lemuria, from Thule to Antichthon.
Read more

Keywords: Claudio Magris, Croce del Sud, Geocriticism, Spatial Turn, Travel Literature

Formats

PDF

Pages: 291-304

Published by: Firenze University Press

Publication year: 2021

DOI: 10.36253/978-88-5518-338-3.23

Download PDF

© 2021 Author(s)
Content licence CC BY 4.0
Metadata licence CC0 1.0

XML

Publication year: 2021

DOI: 10.36253/978-88-5518-338-3.23

Download XML

© 2021 Author(s)
Content licence CC BY 4.0
Metadata licence CC0 1.0

References

  1. Bianchi, Graziano. 2006. “L’anima geografica di Magris.” Nuova Antologia 141, 2239: 205-16.
  2. Bigalli, Davide. 2010. Il mito della Terra Perduta. Da Atlantide a Thule. Milano: Francesco Bevivino Editore.
  3. Colombo, Furio. 2020. “Fiabe migranti. Crocevia Argentina, tra re senza sudditi, le «suore pinguino» e l’operaio esploratore.” il Fatto Quotidiano, 28 settembre, 2020.
  4. Dupré, Natalie. 2008. “I confini del tempo. Luoghi della memoria e della persuasione in Danubio di Claudio Magris.” Incontri. Rivista europea di studi italiani 23, 2: 113-24.
  5. Magris, Claudio. 1982. Itaca e oltre. I luoghi del ritorno e della fuga in un viaggio attraverso alcuni grandi temi della nostra cultura. Milano: Garzanti.
  6. Magris, Claudio. 2013 (1984). Illazioni su una sciabola. Milano: Garzanti.
  7. Magris, Claudio. 1986. Danubio. Un viaggio sentimentale dalle sorgenti del grande fiume al Mar Nero. Milano: Garzanti.
  8. Magris, Claudio. 2003 (1991). Un altro mare. Milano: Garzanti.
  9. Magris, Claudio. 2005. Alla Cieca. Milano: Garzanti.
  10. Magris, Claudio. 2017 (2005). L’infinito viaggiare. Milano: Mondadori.
  11. Magris, Claudio. 2009. “Orizzonti mobili.” Corriere della Sera, 1 marzo, 2009.
  12. Magris, Claudio. 2012. “La verità è più bizzarra della finzione.” Festivaletteratura di Mantova 7 settembre 2012 <https://archivio.festivaletteratura.it/oggetti/3002-la-verita-e-piu-bizzarra-della-finzione-n-2012-09-07-088> (03/2021).
  13. Magris, Claudio. 2019. Tempo curvo a Krems. Cinque racconti. Milano: Garzanti.
  14. Magris, Claudio. 2020. Croce del Sud. Tre vite vere e improbabili. Milano: Mondadori.
  15. Mann, Thomas. 1954. Giuseppe e i suoi fratelli. In Thomas Mann. Tutte le opere di Thomas Mann, vol. VI, Giuseppe e i suoi fratelli, a cura di Lavinia Mazzucchetti, traduzione di Bruno Arzeni. Milano: Mondadori. Ed. orig. 1933-1943. Joseph und seine Brüder, 4 Bde. Berlin: Fischer Verlag.
  16. Marfè, Luigi. 2009. “Claudio Magris e la divagazione sentimentale.” In Luigi Marfè. Oltre la “fine dei viaggi”. I resoconti dell’altrove nella letteratura contemporanea, 58-68. Firenze: L.S. Olschki.
  17. Marenco, Franco. 2013. “Geopercorsi (da Edward Said a Claudio Magris).” InVerbis 5, 1: 47-63. 10.7368/73916
  18. Mund-Dopchie, Monique. 2009. Ultima Thulé. Histoire d’un lieu et genèse d’un mythe. Genève: Librairie Droz.
  19. Musarra-Schrøder, Ulla. 2007. “La geografia della storia: «Alla cieca» di Claudio Magris.” Otto/Novecento 31, 1: 123-35. 10.1400/115719
  20. Musarra-Schrøder, Ulla. 2008. “I luoghi infernali della storia. Alla cieca di Claudio Magris.” Incontri. Rivista europea di studi italiani 23, 2: 103-12.
  21. Musarra-Schrøder, Ulla. 2008. “Tra l’Istro e il Po: miti di navigazione in Alla cieca di Claudio Magris.” In Vele d’autore nell’Adriatico orientale. La navigazione a vela fra Grado e Dulcigno nella letteratura italiana. Atti del Convegno Internazionale, Trieste, 5-6 ottobre 2017, a cura di Giorgio Baroni, e Cristina Benussi, 407-13. Pisa-Roma: Fabrizio Serra Editore.
  22. Musarra-Schrøder, Ulla. 2019. “Le vie della diaspora nella narrativa di Claudio Magris.” Kwartalnik Neofilologiczny 2: 191-97. 10.24425/kn.2019.128391
  23. Pascoli, Giovanni. 1991. “L’Imbrunire.” In Giovanni Pascoli. Canti di Castelvecchio, introduzione e note di Giuseppe Nava, 274-76. Milano: BUR.
  24. Pellegrini Ernestina. 2003 (1997). “Trieste e altri luoghi della scrittura.” In Ernestina Pellegrini. Epica sull’acqua. L’opera letteraria di Claudio Magris, 154-71. Bergamo: Moretti & Vitali.
  25. Plebe, Andrea. 2020. “Vi racconto l’improbabilità e l’umanità dell’esistenza.” Il Secolo XIX 8 agosto, 2020.
  26. Reinhardt Jelena U. 2019. “Attraversare la terra come in mare. Paesaggi ibridi sul Danubio di Claudio Magris tra Kafka e Canetti.” Prospero. Rivista di Letterature e Culture Straniere 24, numero speciale dedicato a Claudio Magris: 169-83. 10.13137/2283-6438/29434
  27. Salgari, Emilio. 1906. La stella dell’Araucania, illustrazioni di Carlo Chiostri. Genova: G.A. Armanino.
  28. Salvadori, Diego. 2020. L’atlante di Claudio Magris. Bologna: Pàtron.
  29. Taglietti, Cristina. 2020. “Claudio Magris salva storie alla fine del mondo.” Corriere della Sera 6 settembre, 2020.
  30. Tallini, Gennaro. 2013. “«Una metafora della complessità». Le geografie scomposte di Claudio Magris tra microcosmi, confini e dualismi identitari.” In Frontiere, confini, limiti, soglie, a cura di Patrizia Bellomi, e Silvia Monti, 59-74. Verona: Edizioni Fiorini.
  31. Westphal, Bertrand. 2009. Geocritica. Reale finzione, spazio, a cura di Marina Guglielmi, traduzione di Lorenzo Flabbi. Roma: Armando Editore. Ed. orig. 2007. La Géocritique. Réel, fiction, espace. Paris: Les éditions de minuit.

Export citation

Selected format

Cita come:
Salvadori, D.; 2021; Unicum glaciei. Le geografie estreme di Croce del Sud. Firenze, Firenze University Press.


Distributori


Indici e aggregatori bibliometrici