Giulia

Export citation

Selected format

Usage statistics policy

  • 23Full-text Downloads

Download Extras

Cita come:
Manno Tolu, R.; 2020; Giulia. Firenze, Firenze University Press.


Distributori


Indici e aggregatori bibliometrici

Giulia

Una donna nella Toscana dei Medici

Rosalia Manno Tolu
Archive for the memory and writing of women, Italy

+ More about the authors
DOI: 10.36253/978-88-5518-142-6 Series: Fonti storiche e letterarie – Edizioni cartacee e digitali ISSN 2704-5994 (print) - ISSN 2704-6001 (online)

FUP Scientific Cloud for Books

© 2020 Author(s)
Published by Firenze University Press

Content licence CC BY 4.0
Metadata licence CC0 1.0

Giulia is a maiden abandoned at the birth in Florence of Francesco I dei Medici and Bianca Cappello, who has already been the subject of historical research and some re-elaboration in literary and cinematographic terms. Thanks to the richness of the sources now found, a completely new and exhaustive biography of this 16th century woman is presented, with an unpublished version of her personality and history. Florence, the Casentino and the Valdinievole are the places of her life, which fully reflects the condition of women in her era, faced by Giulia with courage and determination. The discourse develops on two intertwined planes, that of historical analysis and that of its narrative integration, with the hypothetical reconstruction of the areas left in the shadows. This book enters by right into historiographical traditions now widely codified and into a literary tradition defined by Giacomo Debenedetti as 'historiography of interiority'.

Giulia è una fanciulla abbandonata alla nascita nella Firenze di Francesco I dei Medici e di Bianca Cappello, già oggetto di ricerche storiche e di alcune rielaborazioni in chiave letteraria e cinematografica. Il volume, grazie alla ricchezza delle fonti ora reperite, presenta una biografia del tutto nuova ed esaustiva di questa donna del secolo XVI, con una versione inedita della sua personalità e della sua storia. Firenze, il Casentino e la Valdinievole sono i luoghi della sua esistenza, che riflette in pieno la condizione della donna nella sua epoca, vissuta da Giulia con coraggio e determinazione. Il discorso si sviluppa su due piani intrecciati, quello dell’analisi storica e quello della sua integrazione narrativa, con la ricostruzione ipotetica delle zone rimaste in ombra. Questo libro entra di diritto in tradizioni storiografiche ormai largamente codificate e in una tradizione letteraria definita da Giacomo Debenedetti come ‘storiografia dell’interiorità’.

Read more

Keywords: abandoned childhood, dowry, marriage, women's history, inheritance

Formats

Print

Publication year: 2020

Price: 17,90 €

Pages: 154

ISSN print: 2704-5994

ISBN: 978-88-5518-141-9

Printed edition forthcoming

Order now

5% Discount (or more using a coupon)

PDF

Publication year: 2020

Pages: 154

ISSN online: 2704-6001

e-ISBN: 978-88-5518-142-6

DOI: 10.36253/978-88-5518-142-6

Download PDF

© 2020 Author(s)
Content licence CC BY 4.0
Metadata licence CC0 1.0

Epub

Publication year: 2020

ISSN online: 2704-6001

e-ISBN: 978-88-5518-143-3

DOI: 10.36253/978-88-5518-142-6

Download EPUB

© 2020 Author(s)
Content licence CC BY 4.0
Metadata licence CC0 1.0

XML

Publication year: 2020

ISSN online: 2704-6001

e-ISBN: 978-88-5518-144-0

DOI: 10.36253/978-88-5518-142-6

Download XML

© 2020 Author(s)
Content licence CC BY 4.0
Metadata licence CC0 1.0

  1. Angiolini F., 2003, Le Bande medicee tra “ordine” e “disordine”, in Antonelli L. e Donati C., Corpi armati e ordine pubblico in Italia (XVI-XIX sec.), Soveria Mannelli, Rubettino, pp. 9-47.
  2. Arrivo G., 1997, Legami di sangue, legami di diritto (Pisa, secc. XVI-XVIII) in “Ricerche storiche”, 27, pp. 231-261.
  3. Associazione Amici di Pescia, 1999, Memorie di Pescia raccolte da Francesco di Ottavio Galeotti 1659, Ente Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, Pescia.
  4. Baldasseroni P. O., 19832, (17841), Istoria della città di Pescia e della Valdinievole, A. Forni, Bologna.
  5. Barbagli M., 1988, Sotto lo stesso tetto. Mutamenti della famiglia in Italia dal XV al XX secolo, Il Mulino, Bologna.
  6. Battistini F., 1998, Gelsi, bozzoli e caldaie: l’industria della seta in Toscana tra città, borghi e campagne, sec. 16-18, L. S. Olschki, Firenze.
  7. Brown J. C., 1987, Pescia nel Rinascimento. All’ombra di Firenze, a cura e traduzione di Anzillotti G. I., Edizioni Benedetti, Pescia.
  8. Calvi G., 1994, Contratto morale. Stato e madri nella Toscana moderna, Laterza, Roma – Bari.
  9. Cantagalli R., 1962, La guerra di Siena (1552-1559): i termini della questione senese nella lotta tra Francia e Asburgo nel ‘500 e il suo risolversi nell’ambito del Principato mediceo, Accademia Senese degli Intronati, Siena.
  10. Cecchi M. e Coturri E., 1961, Pescia ed il suo territorio nella storia nell’arte e nelle famiglie, Tipografia Pistoiese, Pistoia.
  11. Cipolla C. M., 2012, Il pestifero e contagioso morbo, Il Mulino, Bologna.
  12. Consiglio A., 1961, Una prova di matrimonio: Medici e Gonzaga, Canesi, Roma.
  13. Conti G., 1893, Altri documenti inediti sul parentado fra la principessa Eleonora de’ Medici e il principe don Vincenzo Gonzaga. Tratti dal R. Archivio di Mantova e pubblicati con una nota storica, Il Giornale di erudizione, Firenze, rist. Forni 1967.
  14. Coturri E., 1987, Prospettive per una ricerca storica sulla peste del 1631 a Pescia, in Manno Tolu R., Itinerari di ricerca nelle fonti archivistiche della Valdinievole, Archivio di Stato di Pistoia, Pistoia, pp. 77-87.
  15. Coturri E., 1990, Malattie che nei tempi passati infierirono lungo le rive del Padule di Fucecchio, in “Erba d’Arno”, 39, pp. 54-65.
  16. D’Addario A., 1972, Aspetti della Controriforma a Firenze, Ministero dell’Interno, Roma.
  17. Diaz F., 1976, Il Granducato di Toscana. I Medici, UTET, Torino.
  18. Enfance abandonnée et société en Europe:14.-20. siècle: Rome, 30 et 31 janvier 1987. Actes du Colloque international organisé par la Società italiana di demografia storica, 1991, École française de Rome, Roma.
  19. Fraticelli P. J., 19752 (18341), Delle antiche carceri di Firenze denominate Le Stinche, Multigrafica editrice, Roma.
  20. Fubini Leuzzi M., 1990, Appunti per lo studio delle doti granducali in Toscana, in “Ricerche storiche”, 20, pp. 339-365.
  21. Fubini Leuzzi M., 1994, “Dell’allogare le fanciulle degli Innocenti”: un problema culturale ed economico, 1577-1652, in Prodi P., Disciplina dell’anima, disciplina del corpo e disciplina della società tra medioevo ed età moderna, Il Mulino, Bologna, pp. 8
  22. Fusai G., 1905, Belisario Vinta, ministro e consigliere di Stato dei granduchi Ferdinando II e Cosimo II de’ Medici, Seeber, Firenze.
  23. Galeotti E., 1869, Genealogia della famiglia Galeotti, Tipografia Aldina, Prato.
  24. Ginzburg C., 1982, Charivari, associazioni giovanili, caccia selvaggia, in “Quaderni storici”, 49, pp. 164-177.
  25. Guerrini R., [1992?], Vincenzo Tamagni e lo scrittoio di Montalcino, Alsaba, Siena.
  26. Gutton J. P., 1977, La società e i poveri, A. Mondadori, Milano.
  27. Il parentado per la principessa Eleonora de’ Medici e il principe don Vincenzo Gonzaga. Documenti editi tratti dal R. Archivio di Stato di Firenze, 1887, Giornale di erudizione edit., Firenze, rist. Forni 1967.
  28. Kirkendale W., 1993, The Court Musicians in Florence during the Principate of the Medici, L. S. Olschki, Firenze.
  29. Litta P., 1819, Famiglie celebri italiane, t. I, p. II, Albizi, tip. P. E. Giusti, Milano.
  30. Lombardi D., 1982, Poveri a Firenze. Programmi e realizzazioni della politica assistenziale dei Medici tra cinque e seicento, in Politi G., Rosa M., Della Peruta F., Timore e carità, I poveri nell’Italia moderna, Biblioteca Statale e Libreria Civica, Crem
  31. Lombardi D., 1988, Povertà maschile, povertà femminile: l’ospedale dei Mendicanti nella Firenze dei Medici, Il Mulino, Bologna.
  32. Lombardi D., Reggiani F., 1990, Da assistita a serva. Circuiti di reclutamento delle serve attraverso le istituzioni assistenziali (Firenze – Milano, XVII-XVIII sec.), in Cavaciocchi S., La donna nell’economia. Secc. XIII-XVIII, Le Monnier, Firenze, pp. 3
  33. Malvolti A., 2018, Un paese nel male contagioso. La peste del 1631 a Fucecchio e dintorni, “Erba d’Arno”, n. 154, pp. 47-68.
  34. Manno Tolu R., 1995, “Ricordanze” delle abbandonate fiorentine di Santa Maria e San Niccolò del Ceppo nei secoli XVII-XVIII, in Borgia L., Studi in onore di Arnaldo d’Addario, Conte editore, Lecce, vol. III, pp. 1007-1024.
  35. Manno Tolu R., 1997, Echi savonaroliani nella Compagnia e nel Conservatorio della Pietà, in Garfagnini G. C., Savonarola e la politica, SISMEL Edizioni del Galluzzo, Firenze, pp. 209-224.
  36. Manno Tolu R., 2018, Le fanciulle del Conservatorio della Pietà di Firenze dai Medici ai Lorena, in Insabato E., Manno R., Pellegrini E., Scattigno A., Tra archivi e storia. Scritti dedicati ad Alessandra contini Bonacossi, Firenze University Press, Firen
  37. Mariacher G., 1965, Il palazzo Vendramin Calergi a Venezia, Longo e Zoppelli, Treviso.
  38. Menzione A., 2006, Celesti immagini. Aspetti della religiosità in Valdinievole nell’età moderna, in Pult Quaglia A. M., Pescia e la Valdinievole. La costruzione di una identità territoriale, Edizioni Polistampa, Firenze, pp. 79-148.
  39. Ministero dell’Interno, Direzione Generale degli Archivi di Stato, 1970, Mostra storica della laguna veneta: Venezia, Palazzo Grassi, 11 luglio-27 settembre 1970, Stamperia di Venezia, Venezia.
  40. Nucci E., 1933, Guida storico artistica di Pescia e Valdinievole, Franchi, Pescia.
  41. Onori A. M., 2004, Uzzano, Edimedia, Pescia.
  42. Peyrefitte R., 1963, La natura del principe, Longanesi & C., Milano.
  43. Polverini Fosi I., 1985, La società violenta. Il banditismo nello Stato pontificio nella seconda metà del Cinquecento, Edizioni dell’Ateneo, Roma.
  44. Puccinelli P., 19812 (1664 1), Memorie dell’insigne e nobile terra di Pescia, A. Forni, Bologna.
  45. Rosa M., 1980, Chiesa, idee sui poveri e assistenza in Italia dal cinque al settecento, in “Società e storia”, 10, pp. 775-806.
  46. Salvagnini, G., 1975, Pescia, una città : proposta metodologica per la lettura di un centro antico, La Valdera, Firenze.
  47. Sandri L., 1996, Gli Innocenti e Firenze nei secoli. Un ospedale, un archivio, una città, S. P. E. S., Firenze.
  48. Sapori G., 1972, Giuliano de’ Ricci, Cronaca (1532-1606), R. Ricciardi, Milano-Napoli.
  49. Stiavelli C., 1903, La storia di Pescia nella vita privata dal sec. XIV al XVIII, F. Lumachi, Firenze.
  50. Terpstra N., 2003, Mothers, Sisters, and Daughters: Girls and Conservatory Guardianship in Late Renaissance Florence, in “Renaissance Studies”, 17(2), pp. 201-229.
  51. Terpstra N., 2013, Cultures of Charity. Women, Politics, and Reform of Poor Relief in Renaissance Italy, Harvard University Press, Cambridge Mass.
  52. Terpstra N., 2014, L’infanzia abbandonata nell’Italia del Rinascimento, CLUEB, Bologna.
  53. Terpstra N., 2015, Ragazze perdute. Sesso e morte nella Firenze del Rinascimento, Carocci editore, Roma.
  54. Trexler R., 1972 Le célibat à la fin du moyen age: les religeuses de Florence, in “Annales E. S. C.”, 6, pp. 1329-1350.
  55. Zarri G., 2000, Recinti. Donne, clausura e matrimonio nella prima età moderna, Il Mulino, Bologna.
  56. Zorzi A., 1991, Canal Grande, Rizzoli, Milano.