La malinconia dell'immagine

Export citation

Selected format

Download Extras

Cita come:
Barale, A.; 2009; La malinconia dell'immagine. Firenze, Firenze University Press.


Distributori


Indici e aggregatori bibliometrici

La malinconia dell'immagine

Rappresentazione e significato in Walter Benjamin e Aby Warburg

Alice Barale
University of Florence, Italy - ORCID: 0000-0001-6888-527X

+ More about the authors
DOI: 10.36253/978-88-8453-889-5 Series: Studi e saggi ISSN 2704-6478 (print) - ISSN 2704-5919 (online)

FUP Scientific Cloud for Books

© 2009 Author(s)
Published by Firenze University Press

Content licence CC BY-NC-ND 3.0 IT
Metadata licence CC0 1.0

To portray melancholy, Albrecht Dürer engraved a bowed figure whose abstracted concentration contrasts with the proliferation of objects around her. In this way, it appears that the mystery she is contemplating is precisely that of her connection with things, which remain extraneous as she turns her gaze elsewhere. In fact, for both Aby Warburg and Walter Benjamin, Dürer's Melencolia I refers to the issue of the image, conceived not as a specific form, work of art or philosophic representation, but as the site of a sense that yields itself only in its material configuration. Thus the space of melancholy is shifted from the subject to that borderland, of continuous intersection between the self and external reality, between the interior and the world, that is the image – conceived as a concrete and reciprocal configuration of both. Meditation on the same restores to melancholy its contradictory character, the unity of destruction and construction attributed to it by Aristotlean tradition, and which modernity, identifying it with an Ego that is depressively worldless, or counter to the world, largely deprives it of.

Per rappresentare la malinconia, Albrecht Dürer incide una figura china, la cui concentrazione assorta contrasta con il proliferare di oggetti che la attorniano. Sembra, a questo proposito, che il mistero che contempli sia proprio quello del suo legame con le cose, che resistono, estranee, al suo volgere lo sguardo altrove. Ed è infatti al problema dell'immagine, intesa non come forma specifica, opera d'arte o rappresentazione filosofica, ma come luogo di un senso che non si dà che nel suo concreto configurarsi che, per Aby Warburg come per Walter Benjamin, la Melencolia I di Dürer rimanda. Lo spazio della malinconia si sposta così dal soggetto a quel territorio di confine, di continua intersezione tra il sé e la realtà esterna, tra l'interiorità e il mondo, che è l'immagine, intesa come concreto e reciproco configurarsi di entrambi. La riflessione su di essa permette di rendere alla malinconia il suo carattere contraddittorio, quell'unità di distruzione e costruzione che la tradizione aristotelica le attribuisce e che la modernità, identificandola con un Io depressivamente senza mondo, o contro il mondo, per lo più le sottrae.

Read more

Keywords: Estetica, Warburg Institute, Filosofia

Formats

Print

Publication year: 2009

Price: 18,00 €

Pages: 168

ISSN print: 2704-6478

ISBN: 978-88-8453-888-8

Add to chart

5% Discount (or more using a coupon)

PDF

Publication year: 2009

Price: 12,60 €

Pages: 168

ISSN online: 2704-5919

e-ISBN: 978-88-8453-889-5

DOI: 10.36253/978-88-8453-889-5

Add to chart

Buy the ebook (PDF) on Torrossa bookstore

XML

Publication year: 2009

ISSN online: 2704-5919

DOI: 10.36253/978-88-8453-889-5

Download XML

© 2009 Author(s)
Content licence CC BY-NC-ND 3.0 IT
Metadata licence CC0 1.0