Tu sei qui:HomeCollaneStrumenti per la didattica e la ricercaSansone e la Guerra fredda

Sansone e la Guerra fredda

La capacità nucleare israeliana fra le due superpotenze (1953-1963)

Matteo Gerlini
Università degli Studi di Firenze - ORCID: 0000-0002-8374-1618

Informazioni su Autori e Curatori


Licenza d'uso
CC BY NC ND 4.0

La possibilità dell'uso di armi nucleari da parte di Israele è stata definita "opzione Sansone", poiché tale eventualità non avrebbe portato altro che la morte con tutti i moderni filistei, cioè i nemici dello Stato. Se invece si interpretano con le lenti della storia delle relazioni internazionali le circostanze e gli avvenimenti che segnarono la conquista dell'opzione nucleare da parte di Israele, essa diviene un elemento della costruzione del Medio Oriente postbellico, ovvero un passaggio di quella Guerra Fredda mediorientale che tanto ebbe a determinare il confronto fra le superpotenze. Grazie a fonti d'archivio finora inedite e ad un'attenta revisione bibliografica, l'autore rintraccia nel decennio 1953-1963 la costruzione di un ordine mediorientale statunitense, realizzato a scapito del nazionalismo arabo e dell'influenza sovietica, anche grazie all'intervento di Washington sull'opzione nucleare israeliana.

Rassegna stampa:
Archiviostorico.info

Leggi tutto

Supporti disponibili

Anno di edizione: 2010

Prezzo: 13,90 €

Pagine: 130

ISSN print: 2704-6249

ISBN: 978-88-8453-504-7

Aggiungi al carrello

Sconto del 10% (o superiori con un codice promozionale) per acquisti dal sito

Anno di edizione: 2010

Prezzo: 9,73 €

Pagine: 130

ISSN online: 2704-5870

e-ISBN: 978-88-8453-517-7

Aggiungi al carrello

Acquista il pdf completo o il singolo capitolo su Torrossa - Casalini digital division