Vincenzo Consolo: gli anni de «l’Unità» (1992-2012), ovvero la poetica della colpa-espiazione

Export citation

Selected format

Usage statistics policy

  • 44Full-text Downloads

Download Extras

Cita come:
Francese, J.; 2015; Vincenzo Consolo: gli anni de «l’Unità» (1992-2012), ovvero la poetica della colpa-espiazione. Firenze, Firenze University Press.


Distributori


Indici e aggregatori bibliometrici

Vincenzo Consolo: gli anni de «l’Unità» (1992-2012), ovvero la poetica della colpa-espiazione

Joseph Francese
Michigan State University, United States - ORCID: 0000-0001-7328-5332

+ More about the authors
DOI: 10.36253/978-88-6655-753-1 Series: Studi e saggi ISSN 2704-6478 (print) - ISSN 2704-5919 (online)

FUP Scientific Cloud for Books

© 2015 Author(s)
Published by Firenze University Press

Content licence CC BY 4.0
Metadata licence CC0 1.0

Vincenzo Consolo: gli anni de «l’Unità» (1992-2012), ovvero la poetica della colpa-espiazione analyses the frequent collaboration between Vincenzo Consolo (1933-2012) and the Italian newspaper «l’Unità», which started in the 1990s and would continue until the author’s death. This collaboration reveals a form of political protagonism which the writer had originally shied away from. Over this period of time, in his written pieces, Consolo turns from the «contastorie consolatorio» (a consoling storyteller) into a Benjamin-style narrator, offering the new generations a progressive life model based on his own youthful experiences. This artistic development reflects in a similar transformation within his narration, and explains the reason behind the use of the first person narrator, that «impudico io» (the “impure I”), as the author himself puts it. This form of literary experimentation, which differs from the work he carried out over the previous decades, allows the writer to atone for not having done more in the Seventies and the Eighties to improve the social, environmental and political degradation whose spread he had witnessed.

Vincenzo Consolo: gli anni de «l’Unità» (1992-2012), ovvero la poetica della colpa-espiazione analizza l’assidua collaborazione di Vincenzo Consolo (1933-2012) con il quotidiano «l’Unità», una collaborazione che, iniziata nei primi anni Novanta e durata fino alla morte, rivela una forma di protagonismo politico a cui lo scrittore si era in precedenza sottratto. In questo stesso arco di tempo, Consolo si trasforma nei suoi scritti letterari da «contastorie consolatorio» a narratore benjaminiano, e offre alle giovani generazioni un modello di vita progressista basato sulle proprie esperienze giovanili. Tale sviluppo artistico necessita a sua volta di una trasformazione del punto di vista narrativo e spiega l’adozione del pronome di prima persona, quell’«impudico io», come lui stesso lo definisce. Questa forma di sperimentalismo letterario, che si differenzia dal lavoro svolto nei decenni precedenti, permette allo scrittore di espiare la colpa di non avere, negli anni Settanta ed Ottanta, fatto di più per ovviare al degrado sociale, ambientale e politico che aveva visto dilagare.

Read more

Formats

Print

Publication year: 2015

Price: 19,90 €

Pages: 270

ISSN print: 2704-6478

ISBN: 978-88-6655-752-4

Add to chart

5% Discount (or more using a coupon)

PDF

Publication year: 2015

Pages: 270

ISSN online: 2704-5919

e-ISBN: 978-88-6655-753-1

DOI: 10.36253/978-88-6655-753-1

Download PDF

© 2015 Author(s)
Content licence CC BY 4.0
Metadata licence CC0 1.0

Epub

Publication year: 2015

ISSN online: 2704-5919

e-ISBN: 978-88-6655-754-8

DOI: 10.36253/978-88-6655-753-1

Download EPUB

© 2015 Author(s)
Content licence CC BY 4.0
Metadata licence CC0 1.0

XML

Publication year: 2015

ISSN online: 2704-5919

e-ISBN: 978-88-9273-408-1

DOI: 10.36253/978-88-6655-753-1

Download XML

© 2015 Author(s)
Content licence CC BY 4.0
Metadata licence CC0 1.0